Sports Stories #6: Ayrton Senna

Sports Stories #6: Ayrton Senna

Il viaggio nelle storie dello sport continua oggi, nel ricordo del 1º Maggio 1994, la tragica morte di Ayrton Senna.

Riviviamo assieme la carriera del pilota di F1 più talentuoso di sempre.

INIZIO CARRIERA

Ayrton nasce a San Paolo il 21 Marzo del 1960, da una famiglia agiata economicamente.

A 13 anni inizia a correre sui Kart conquistando al primo anno il campionato nazionale junior.

Dopo anni gloriosi nei campionati minori, nel 1981, si trasferì a Norwich per disputare il campionato “Formula Ford 1600”. 

ESORDIO IN F1

Due anni vincenti tra Ford e Formula 3 e la chiamata nei test di F1, nel 1983.

Esordì  nella categoria regina nel 1984, con la scuderia Toleman, proprio con il suo Gran Premio di casa, in Brasile.

Senna dimostrò subito il suo talento ammirevole, come il secondo posto raggiunto sotto il diluvio a Monaco.

IL PASSAGGIO ALLA LOTUS

Le prime vittorie arrivarono l’anno successivo, sbarcato in Lotus, con Elio De Angelis come compagno di squadra.

La prima in assoluto fu in Portogallo: acquazzone e Senna che, partito dalla Pole per la prima volta in carriera, domina la gara, con un distacco finale superiore al minuto.

Anni magici alla Lotus ma senza successi mondiali; restano nonostante tutto i duelli con Alboreto, Prost e Piquet.

BINOMIO SENNA-MCLAREN

Nel 1988 Senna passò alla McLaren, auto dominante all’epoca. Chi se non Alain Prost come compagno di squadra, il “professore”.

Rivalità mozzafiato, che ha segnato la storia della F1. Senna vince al primo anno, con la McLaren che si aggiudicò 15 delle 16 gare in programma. 

IL PASSAGGIO ALLA WILLIAMS

L’anno successivo vinse il titolo Prost ma poi ancora Senna in vetta, per due anni consecutivi: 3 titoli in 4 anni con la McLaren.

Dopo gli ultimi due anni con la medesima scuderia senza riuscire a vincere il mondiale, Senna cambiò scuderia, passando alla Williams.

INIZIO SBAGLIATO IN WILLIAMS

Stagione iniziata col piede sbagliato, 2 ritiri nelle prime 2 gare (gare vinte da Michael Schumacher, futuro campione).

La terza in programma è il GP di San Marino, il 1º Maggio del 1994. Pole position conquistata e gara che inizia con un incidente brutto: Letho e Lamy si scontrano ed i rottami colpiscono addirittura qualche spettatore, ferendoli.

Entra la Safety Car ed alla fine del 5º giro torna ai box. 

QUEL TRAGICO INCIDENTE

Durante il 7º giro accade la tragedia.

Senna esce di pista ad alta velocità dopo il Tamburello, a causa del cedimento del piantone dello sterzo, modificato precedentemente alla gara per consentire una migliore guida del mezzo in quanto le nocche del pilota toccavano l’abitacolo.

Modifiche evidentemente leggere, che non hanno supportato le sollecitazioni della gara, scagliando Senna nelle barriere.

Il video del tragico incidente

18:40, CIAO “MAGIC”

Alle 18 e 40 dello stesso giorno, in ospedale, Senna salutò la terra salendo in cielo, a soli 34 anni, senza aver mai ripreso conoscenza dopo l’incidente.

Oggi sono 27 anni che Ayrton non è fra noi, ma tutti gli appassionati non smetteranno mai di ricordare il talento e la genuinità di Magic, come veniva soprannominato da tutti.

Una menzione speciale va a Roland Ratzenberger, morto il giorno precedente, 30 aprile 1994, nelle qualifiche della F1, alla curva Villeneuve.

Pubblicato da sapienzasportiva

Sapienza Sportiva nasce per raccontare quotidianamente storie di sport tramite articoli brevi e veloci da leggere. Instagram: @sapienzasportiva