Luis Muriel si è consacrato a Bergamo

Luis Muriel si è consacrato a Bergamo

L’ARRIVO A BERGAMO

Il 21 giugno 2019, Luis Muriel passava a titolo definitivo all’Atalanta di Gasperini, dopo l’esperienza alla Fiorentina nella seconda parte del campionato.

Il colombiano infatti era proprio tornato in Italia dopo due stagioni tra alti e bassi a Siviglia e, dopo le avventure al Ferraris e al Franchi, era giunto il momento della firma con la Dea.

L’arrivo a Bergamo del colombiano

IL PASSATO IN ITALIA

Per Muriel, l’approdo alla corte di Gasperini significa quinto club di serie A di cui ha potuto vestire la maglia, nel corso di 10 anni di carriera.

Il talento ex Siviglia infatti, è stato lanciato dal Lecce quando era giovanissimo, formando parte dell’attacco assieme al connazionale Cuadrado, con il quale ha trascorso la stagione 2011-12.

Successivamente le esperienze a Udinese, Sampdoria e infine lo spezzone con la Fiorentina.

MAI ABBASTANZA

Il giudizio su di lui era sempre lo stesso: giocatore talentuoso che alternava periodi di ottima forma a periodi di pessime prestazioni, non riuscendo mai a fare il “salto di qualità”.

Le sue prestazioni infatti non gli hanno mai permesso di giocarsi le carte con club di importanza mondiale, fino a quando a Bergamo non si sono ricordati di lui.

I due colombiani a Lecce

RITORNO DI FIAMMA

Una volta partito per Siviglia, in pochi qui in Italia si ricordavano Luis per le sue gesta e i suoi goal.

Nessuno poteva considerarlo un fenomeno, un fuoriclasse, perché non aveva lasciato il segno fino in fondo.

Quando però, a gennaio 2019, la Fiorentina decideva di acquistarlo, qualcosa è finalmente cambiato e Muriel ha potuto dimostrare tutto il suo valore.

Proprio in occasione della sua prima gara in maglia viola, l’ex Lecce si è fatto ricordare dall’Italia così:

Doppietta all’esordio

LA CHANCE A BERGAMO

La chiamata dell’Atalanta è stato di certo il suo trasferimento più prestigioso da quando gioca a calcio, considerando il livello della rosa allenata da Gasperini negli ultimi anni.

La possibilità di giocare la Champions League accanto al suo compagno di reparto e connazionale Zapata non capita tutti i giorni.

Gasperini gli da massima fiducia, rendendolo micidiale in un’uscita dalla panchina: nel solo campionato, Muriel realizza 18 goal in 33 presenze, di cui 23 da subentrato.

I goal del colombiano nella scorsa stagione


ANNO NUOVO, STESSA STORIA

Stagione corrente, stessi risultati che, da qui al termine, potrebbero addirittura migliorare.

42 i minuti in campo in media la scorsa stagione, 41 quest’anno, in cui Muriel è andato a segno già 16 volte se contiamo anche lo splendido goal che ha realizzato ieri.

Il numero 9 segna un goal ogni 64 minuti e anche quest’anno ha collezionato più presenze da subentrato rispetto a quelle da titolare.

Numeri e statistiche mostruose che, a 29 anni, possono finalmente confermare il talento mostruoso di Muriel, che sembra aver trovato la propria dimensione ideale a Bergamo.

Goal meraviglioso contro lo Spezia

Pubblicato da sapienzasportiva

Sapienza Sportiva nasce per raccontare quotidianamente storie di sport tramite articoli brevi e veloci da leggere. Instagram: @sapienzasportiva